Pungitopo editrice Tradizioni popolari Narrativa Poesia Teatro Saggistica Arte e archeologia Varia

formato 8,5 x 12

Giovanni Verga
RACCONTI MILANESI

Dalla vasta produzione di Novelle di Verga, si propongono qui quelle scritte durante la sua ventennale permanenza a Milano. Con fedeltà al dettato verista, e piena aderenza nell'ambientazione (anche linguistica), un Verga 'milanese' costruisce nel capoluogo lombardo storie di gentiluomini, di dame raffinate e di poveri `vinti', riproponendo la sua verista visione della vicenda umana.

Giovanni Verga (1840-1922), scrittore e drammaturgo catanese, è considerato l'esponente più significativo del Verismo italiano.

pp. 88, € 5,00.

Robert Louis Stevenson
IL DIAVOLETTO NELLA BOTTIGLIA

Una bottiglia da pochi dollari può esaudire qualsiasi desiderio, ma condurre anche all'eterna rovina. Il segreto è al suo interno e l'ospite inquietante è il vero padrone del destino di chi la possiede. Nel bene o nel male, disfarsene sarà assoluta conquista di libertà e salvezza da infernale perdizione.

Robert Louis Stevenson (1850-1894) scrittore, drammaturgo, poeta e inquieto viaggiatore scozzese è l'autore dei famosi romanzi Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde e L'isola del tesoro.

pp. 88, € 5,00.

Giacomo Leopardi
DIALOGHI

Pubblicando le Operette Morali Leopardi si pose controcorrente rispetto alla fiducia illimitata del suo secolo riguardo «le magnifiche sorti e progressive». Questa selezione di Dialoghi propone l'ironica, quanto amara, riflessione sull'arido vero dell'in-humanitas dell'essere vivente, unica specie che finisce per autoannientarsi in nome di un presunto potere assoluto.

Giacomo Leopardi (Recanati, 1798 -Napoli, 1837), poeta, scrittore, filosofo, filologo e glottologo.

pp. 128, € 5,00.

Luciano di Samosata
LUCIO O L'ASINO

Lucio o l'asino è un breve romanzo greco erotico del I-II secolo d.c., pervenutoci fra le opere di Luciano di Samosata, spesso indicato come “Pseudo-Luciano”. Gli eventi narrati nel romanzo presentano delle evidenti correlazioni con quelli del successivo Asino d'oro di Apuleio; è oggetto di discussione se lo Pseudo-Luciano sia stato fonte di Apuleio, o se entrambi abbiano attinto a una fonte precedente.

Luciano nacque attorno al 120 d.C. a Samosata, sull'Eufrate. Ancora ragazzo fu avviato dal padre, scultore di mestiere, alla sua stessa attività. Lasciata la modesta famiglia d'origine, frequentò le scuole dei sofisti in Asia Minore e diventò un celebre conferenziere itinerante. Passò dalla Grecia all’Italia, alla Gallia, dove ebbe anche una cattedra di eloquenza; nel 159 fu avvocato ad Antiochia e ambasciatore a Roma. All’età di quarant’anni convertì i suoi interessi alla filosofia e soggiornò per vent’anni ad Atene. Dal 173 al 176 d.C., per problemi economici, fu costretto ad accettare la carica di funzionario imperiale in Egitto; successivamente riprese i viaggi e l’attività di retore, prima
di ritornare ad Atene, dove forse morì attorno al 180 d.C.

pp. 96, € 5,00.

Edgard Allan Poe
DUE RACCONTI di mare e di terrore

Velati dal mistero, che spesso induce l'immaginario umano al terrore, questi due racconti, Manoscritto trovato in una bottiglia e A precipizio nel Maelström, sono accomunati dal binomio mare-terrore, metafora della condizione esistenziale, espressa nel mare spaventoso, e del fantastico, in cui riponiamo spesso con sentimento panico il destino del futuro e del trapasso.

Edgar Allan Poe (Boston, 1809 - Baltimora, 1849). Scrittore, poeta, editore e saggista statunitense, è considerato uno dei più grandi e influenti scrittori statunitensi. Inventore del racconto poliziesco, della letteratura dell'orrore e del giallo psicologico, ha anticipato generi letterari quali il racconto poliziesco e la fantascienza. È uno dei rappresentanti più importanti del genere gotico, sviluppandone più gli aspetti psicologici, indagando fra le ossessioni e gli incubi personali.

pp. 80, € 5,00.

Francesco Lanza
RE PORCO e altri racconti

Dei tre racconti che qui si propongono (Re Porco, Storia di Pietracucca, Pietrapesce), scelti nell'ampia produzione letteraria di Lanza, i primi due trovano un loro fil rouge nel tema della fortuna, della truvatura di un tesoro, o meglio ancora segna l'epilogo di un sogno di riscatto, negato nel primo racconto o concesso nel secondo dalla Sorte, divinità che sovrintende non soltanto il cielo siciliano di Lanza. Lo sciopero dei santi di Pietrapesce dissimula la traccia dei racconti che lo precedono, conferisce un tema liberatorio, conclusivo, quasi escatologico: "esempio di singolare intreccio di sentimento del reale e di componente fantastica, in cui Lanza trovò una misura tutta sua".

Francesco Lanza (Valguarnera Caropepe, 1897-1933) durante la decina d'anni di attività letteraria, scrisse romanzi, opere teatrali, poesie, racconti, elzeviri ed articoli vari, di grande valore letterario. Notevolissimi i suoi Mimi siciliani.

pp. 80, € 5,00.

Francis Marion Crawford
UOMO A MARE!

Uno dei più bei racconti marinari e del terrore e del terrore-marinaro dell'Ottocento.
Torkeldsen, già comandante di mercantili, è la voce narrante, che con fraseggiare saccente e confidenziale ci introduce nel microcosmo della marineria, con tutti quei difficili nomi di rande e fiocchi in un vascello a tre alberi, con il rituale dei rapporti umani che vigono su di esso. Con espediente quanto mai efficace nel genere "horror", per la virtù che ha di conferire veridicità a storie troppo singolari per essere credute, Crawford gioca sul tema dei fratelli gemelli, impossibili a distinguersi l'uno dall'altro, inseparabili, legati in vita come nella morte, e per di più facendo scambiare loro le parti, con sfumature tematico-psicologiche che l'archetipo del doppio comporta.

pp. 104, € 5,00.

Piero Quirino
CULO MUNDI

«Nel quale partito da Candia per ponente nell'anno 1431 con un carico di malvasia, incorse in un orribile e spaventoso naufragio, a cui malgrado diversi incidenti riuscì a scampare, approdando nel nord della Norvegia.»
Pagine del giornale di bordo dell'incredibile viaggio per mare che portò Piero Quirino, nobile mercante veneziano, e i suoi sventurati marinai su un'isola deserta «che loro chiamano Culo mundi», dell'arcipelago norvegese delle Lofoten, da cui tornò con un bagaglio di esperienze drammatiche, di conoscenza di usi e costumi di quelle popolazioni, e di stockfish, il prelibato pescestocco, che verrà introdotto nelle mense italiane.

pp. 80, € 5,00.

Alexandre Dumas
ETNA

Dal Viaggio in Sicilia, le pagine che Alexandre Dumas (padre) dedica alla sua ascensione sull'Etna. L'escursione, dal 2 al 3 settembre 1835, segue un itinerario che passa attraverso Gravina, Santa Lucia, Massannunziata, Nicolosi, Monte Rosso, il convento di San Nicola il Vecchio. Dumas prosegue a dorso di mulo, fino a raggiungere la cima del cratere. Dopo l'incontro con il signor Gemellaro di Nicolosi, un vecchio studioso del territorio e dei fenomeni vulcanici, il ritorno a Catania, a tarda sera.

pp. 80, € 5,00.