Poesia2 - Pungitopo

Pungitopo
Vai ai contenuti
POESIA
PIANETI DI LUCE
fotografie di Peppuccio e Mimmo Buzzanca
poesie di Lucio Falcone
             

Tre bambini su una scala d’arenaria, vineddivineddi, o sulla spiaggia di Marina di Patti, fanno gioco. «Quando comincia, quando finisce / il gioco non sappiamo, forse / era giorno... », e il gioco non si è fermato: due fratelli, già ragazzi, hanno avuto tra le mani una (una sola) macchina fotografica: il terzo, cugino, ha tentato parole che vogliono diventare poesia. Fogli di fotografia e fogli di poesia che si ricompongono, s’inseguono ora qui, arruffate e confuse, in una memoria che non consente (e non vuole) distinguere di chi è stato lo scatto. «Ma il gioco / è nulla in sé, soltanto ci rende / vigili al secondo e fa / che vibrino le fibre». Consapevoli che fare fotografie non fa fotografi e che scrivere poesie non fa poeti, quanto oggi si offre è solo un dono a se stessi, a quei tre bambini, al ricordo di giorni vissuti insieme, a quell’insieme che adesso ancora continua in questo gioco adulto e miracoloso.
               

Peppuccio Buzzanca è un marinoto del quarantasette. Sa di scienze e di arte. Appassionato di musica o musicologo, ha insegnato non solo chimica ai ragazzi.
Mimmo Buzzanca, fratello di Peppuccio, marinoto del quarantanove, è inventore.
                                       
Lucio Falcone, messinesemarinoto del quarantanove, da quasi quarant’anni ha contratto il vizio dell’editoria.
             

formato 17 x 17 - pp. 104, € 12,00
Alfio Inserra
TRAGOEDIA
epilli

Ed ecco, in questo libro snodarsi gli "epilli" del dolore, e della rabbia: ecco poemetti duri e forti come Lu pazzusanu, o come Carretta a mari con il carico di uomini e donne che fuggono dalle amare terre del Nord Africa per tentare il dramma della traversata verso la Sicilia seminando di morti i profondi fondali del Mediterraneo. E ancora Terremotu che rievoca le tragedie del Belice e, alla fine, avverte che «si ti servi lezioni /e signali /di quantu semu fragili e piatusi / nun c'era megghiu nsignamentu e monitu / d'un terremotu». E leggiamo altri epilli sul dramma delle fanciulle violentate e sacrificate alla più squallida prostituzione; ma il nostro paladino canta ancora di altre tragedie legate alla mafia, dalla terribile strage di Portella delle Ginestre fino al sacrificio indimenticato dei giudici palermitani Falcone e Borsellino e alla strage di Capaci.
[dalla prefazione di Salvatore Di Marco]

Alfio Inserra è nato ed opera a Palermo, dove si è formato negli studi classici laureandosi in Lettere e Filosofia, nonché in Giurisprudenza. È stato assistente alla cattedra di Filosofia Teoretica presso l'Università degli Studi di Palermo e ha insegnato nei Licei di Stato per poi passare alla Presidenza della Regione Siciliana, con mansioni di funzionario nella carriera direttiva. Scoperto giovanissimo dal poeta futurista Federico De Maria, ha vinto il suo primo concorso di poesia a soli diciassette anni. Nel 1957 gli è stato assegnato il "Grappolo d'oro" che laureava il miglior poeta vernacolo dell'anno in Sicilia. Membro dell'Accademia Siculo-Normanna, collabora a riviste e giornali; sue poesie sono incluse in diverse antologie e riviste letterarie italiane e straniere. È stato segretario regionale del Sindacato Libero Scrittori Italiani. Attualmente insegna letteratura italiana presso l'Università della Terza Età (Ulite) di Palermo. Ha vinto numerosi premi letterari, tra cui il "Vann'Antò", il "Girgenti", il "Villaroel", il "Bizzeffi", il "Castelluccio-Racalmuto", il "Città di Venezia 1991", il "Pietro Mignosi", il "Città di Marineo", il Premio Mediterraneo "Ulivo d'argento", il Premio Giuseppe e Turi Rovella. Opere pubblicate: Pleiadi (Bergamo 1956), Sulla riva del tempo (Palermo 1980), Qalai Al Bullût (Palermo 1982),Antenati (Palermo 1983), Omnia Somnia, Omnislnsomnia (Palermo 1984), CircannuAsturfu (Palermo 1986), 'U Fistinu (Palermo 1986), Museo (Palermo 1987), Pilariu (Palermo 1988), Sumer-end (Palermo 1992), Il poeta è un paladino (Catania 2001).

formato 12 x 17 - pp. 128, € 10,00
acquista eBook su Amazon.it a € 3,64
Beniamino Joppolo
SCANDINAVIA
Prefazione di Giuseppe Miligi

Un raro inedito poetico dell'autore della Giostra di Michele Civa, La doppia storia, del Teatro e della Nuvola verde.


formato 12 x 17 - pp. 48, € 8,00
Maria Costa
ÀBBIRU MAISTRU
poesie e racconti

Àbbiru maistru è articolato in due distinte sezioni e comprende undici poesie in siciliano e dieci racconti. Nella sezione poetica ritroviamo il miracolo linguistico della poetessa di Case Basse, che, sulle corde dell’elegia o utilizzando i toni forti della satira pungente, dà voce all’inesauribile amore per la sua terra, dipingendo felicemente ritratti poetici di personaggi, nitidamente riconoscibili.
Ritornano anche, nella silloge, la Storia e storie minori, desunte da una cultura affidata ad una autentica tradizione orale, e cantate con pathos solidale e antibellico nei modi dolenti della sua epica popolare. I racconti, che compongono la seconda sezione, vanno assaporati per la forza espressiva, la varietà del lessico, la ricchezza dei contenuti e i vertici poetici raggiunti con incredibile naturalezza. Su tutto, magistralmente, si impone la lingua siciliana, rispettosa dell’idioma messinese, in tutta la sua sonora, cromatica e ancestrale bellezza.

Maria Costa, poetessa popolare messinese, nasce a Case Basse di Paradiso nel 1926. Un pubblico sempre più vasto la conosce ormai per le frequenti interviste televisive, per i suoi recitals e per le registrazioni. Affascina, conquista, travolge con la sua teatralità in cui evoca il passato ed anima il presente, rievoca miti, leggende e pane quotidiano. I suoi scritti, oltre che diletto della lettura, costituiscono documento di linguaggio arcaico, cesellato in dialoghi stringati e ricordi evocati con forte passionalità da uno scenario immutabilmente incantato: quello dello specchio di mare che scorre tra Scilla e Cariddi. Ha ottenuto circa centosessanta tra menzioni d’onore, speciali e di merito. Ma il più prezioso riconoscimento che Maria Costa custodisce è l’iscrizione nel registro dei “Tesori Umani Viventi” assegnatale nel 2005 dall’Unità Operativa XXVIII – Patrimonio UNESCO, Registro Eredità Immateriali della Regione Sicilia.

formato 17 x 24 - pp. 136, € 18,00
acquista eBook su Amazon.it a € 3,66
Elena Saviano
VOGLIA DI MEMORIE

« […] Quella di Elena Saviano non è poesia di intrattenimento né ricerca versaiola della sentimentalità, ma verso che narra o intende narrare il cammino esistenziale verso la luce della interiorità e la gioia dell’umanità ritrovata. Vi si legge anche una passione intellettuale sommessa ma persistente, proterva a resistere contro ogni illanguidimento etico sia della politicità che della religiosità che sottintende e sorregge la sua ars poetica.[…] ».
dall’introduzione di Piero Longo

formato 12 x 17 - pp. 80, € 8,00
 acquista eBook su Amazon.it a € 3,17
Elena Saviano
SCHIZZI DI SOLE

In questa raccolta di liriche Elena Saviano sa prendere per mano, lasciare che il brutto e il sublime del mondo si trasformino in armonia (è delirio il caos o è delirio l'ordine?), armonia di versi che in un grande abbraccio alla natura racchiudono l'essenza di vite umane sempre diverse eppure uguali, unite nel desiderio, mai spento, dii amore. Attimi dove ogni realtà si dilegua per lasciar vivere il canto che il cuore umano non smette mai di cantare: di dare amore, di chiedere amore.
(R. Cedrini)

formato 12 x 17 - pp. 88, € 10,00
Pietro Venuto
ARIELLA

Poesia di cellule, di grumi, di atomi autosufficienti nel loro puntiforme guizzo di voce, colore e suono: esplosiva nelle sue cariche segrete, nei sussulti che salgono da un fondo oscuro e terremotato, non tanto perduto da non risalire con le sue percussioni, i suoi aculei. Eppure un legame cresce e si infervora e cerca soluzioni distese, dà l’avvio all’itinerario del poeta, vigile fra le sue finzioni, la sapienza delle cose, la speranza di trovare una comunicazione stabile.


formato 12 x 17 - pp. 80, € 8,00
Giuseppe Salvadore
RRAUSTINA

Le fatiche, le passioni, la vita di un paese marinaro nel luccichio delle onde, nel suono di parole arcaiche, nel gestire semplice del dramma quotidiano.


formato 16 x 21 - pp. 104, € 7,80
Andrea Genovese
NUGAE DELLE QUATTRO STAGIONI

Raccolta di poesie in lingua di una fra le più interessanti voci dei nostri giorni, presente nelle più importanti antologie internazionali di poesia.



formato 12 x 17 - pp. 144, € 10,00
POESIA AL FONDACO
Il cenacolo culturale della libreria Ospe
A cura di Sergio Palumbo

L’opera di Palumbo è testimonianza sempre appassionata di quel mondo artistico-letterario che rappresentò una fucina forse irripetibile di cultura non solo per la realtà messinese. Esso era composto da un pugno di persone, da amici che s’incontravano liberamente e con fervore quasi tutte le sere nel retrobottega della libreria: qui si discuteva di ogni forma d’arte, dalla poesia al cinema, dalla pittura alla filosofia, davanti alla tavola imbandita con tipiche specialità messinesi. Qui si diede vita alla creazione di quaderni di letteratura e arte in edizioni autografiche di trecento esemplari numerati, vere e proprie perle d’autore.

formato 12 x 17 - pp. 160, € 10,50
Vann'Antò
CAGNI E MILLU
Introduzione di Giuseppe Cavarra

Due poemetti in lingua siciliana finora inediti, ispirati a due episodi della guerra libica.



formato 12 x 17 - pp. 44, € 4,00
Nino Falcone
VIA CRUCIS



formato 12 x 17 - pp. 80, € 7,00
Ignazio Preitano
L'ADDEU

Una sentita partecipazione, allegra e malinconica, scaturisce innanzitutto dall’osservazione del reale, dell’uomo e dell’uomo sociale, seguendo una fresca linea che lega questa poesia alla vena poetica di Martoglio e della migliore poesia dialettale siciliana.




formato 12 x 17 - pp. 72, € 5,00
Maria Costa
'A PROVA 'ILL'OVU

In 6 racconti e 41 poesie in vernacolo, correlati di traduzione in lingua italiana, la parlata e il gestire della gente dello Stretto messinese sono “consacrati” da questa sorprendente voce popolare, con i dialoghi stringati dei personaggi, con i ricordi evocati da uno scenario quasi mitico e forte di toni. Premio “Vann'Antò” 1989.



formato 16 x 21 - pp. 137, € 10,50
Nino Pino
POESIE E TEATRO

Silloge di tutta l'opera poetica e drammaturgica di uno spirito sensibilissimo ai temi dettati dal sentimento e sollecitati anche dalla realtà sociale in cui l'Autore visse ed operò. N. Pino, poeta, letterato, politico e scienziato, raggiunge qui la sua alta levatura intellettuale, testimoniata dai suoi rapporti con i massimi esponenti della cultura e della politica dei suoi tempi (Einstein, Berlinguer, Cohen, Quasimodo, Longo, Palazzi, Pugliatti, Joppolo, Donini, Terracini, ecc...).

formato 17 x 24 - pp. 364, € 21,00
SEGUICI SU
® Pungitopo editrice è un marchio registrato. Tutti i diritti riservati

Fondata nel 1977 con interessi prevalentemente indirizzati a rilevare il mondo delle tradizioni e delle letterature popolari e delle microstorie locali, la Pungitopo editrice nell'ultimo triennio ha rivolto la sua attenzione alla cultura nazionale e straniera, individuando particolari settori d'intervento e metodologia di ricerca. Le principali collane si pongono come punto di riferimento nei settori della produzione narrativa, teatrale e saggistica, tanto isolana quanto italiana ed europea. Con importanti riproposte di autori e tematiche del passato, sono presenti nel suo catalogo nomi nuovi ma assai significativi della cultura contemporanea.

CONTATTI
Pungitopo Editrice / Via Cicero, 137
98063 Gioiosa Marea (Messina)

+00 0941 330017
Created by Gi Buzz'
Torna ai contenuti